Utilizziamo i cookie per fornire le funzioni dei social media, per migliorare il servizio e l'esperienza dei lettori. Rimanendo sul sito si decide di continuare la navigazione accettandone il loro uso.

Soprattutto in questi momenti di difficoltà economica dove le risorse sono ridotte aiutaci a realizzare la nostra attività sportiva per i nostri ragazzi e ragazze che praticano o intendano praticare questo magnifico sport.

Dona il tuo 5 per Mille all'A.S.D. PALLAVOLO ROVERETO: non ti costa nulla !

Non si tratta di una quota in più da versare o da donare, ma di una diversa destinazione di una parte delle imposte che si devono pagare allo Stato.

Trasforma la tua dichiarazione dei redditi in una azione a favore di un mondo in cammino e aiutaci a creare un futuro migliore per ragazzi e ragazze.

Con la tua denuncia dei redditi (Certificazione Unica 2020, 730 e Modello Unico)  puoi destinare il 5 per Mille dell'IRPEF a questa buona causa !

E se vuoi, puoi anche invitare parenti e/o amici a scrivere il codice fiscale della nostra Associazione, che coincide con la partita IVA, sulla loro dichiarazione dei redditi.

Grazie.

ASD PALLAVOLO ROVERETO

57123477 2347560855265949 1300073144366661632 n

La Federazione Italiana Pallavolo, dopo un’attenta e approfondita riflessione sulla perdurante situazione emergenziale legata alla pandemia di COVID-19 (coronavirus), che sta interessando il territorio italiano e gli stati di tutto il mondo, ha decretato la conclusione definitiva di tutti i campionati pallavolistici di ogni serie e categoria.
La FIPAV ritiene pertanto conclusi senza assegnazione degli scudetti, delle promozioni e delle retrocessioni tutti i campionati nazionali, regionali e territoriali.

È stata inoltre dichiarata conclusa tutta l’attività sportiva legata alla disciplina del Sitting Volley.

La Fipav è arrivata a questa decisione, tenendo anche conto dei recenti DPCM e delle Ordinanze emesse dal Governo e dalle Regioni, all’interno delle quali non emergono date certe circa la possibilità di riprendere l’attività sportiva in condizioni di completa sicurezza. Al contrario le istituzioni nazionali, regionali e medico-scientifiche, stanno continuando a ritenere necessarie misure di distanziamento sociale per il superamento di questa drammatica emergenza.

Per quanto riguarda i campionati giovanili la Fipav ha stabilito che, per permettere agli atleti potenzialmente coinvolti quest’anno di proseguire l’attività giovanile, la prossima stagione si svolgeranno con categorie di annate dispari: Under 13, Under 15, Under 17, Under 19 Maschili e Femminili.

La Federazione Italiana Pallavolo, che fin dalle fasi iniziali di questa tragica pandemia, non ha mai fatto mistero della sua politica di gestione della situazione emergenziale, volta prioritariamente alla tutela della salute di ogni tesserato, con questi provvedimenti intende proseguire sulla strada intrapresa negli scorsi mesi.
Allo stesso modo la FIPAV ribadisce, ancora una volta, che il senso di responsabilità deve necessariamente essere alla base di ogni azione intrapresa in questi giorni e già da domani lavorerà per programmare al meglio la prossima stagione sportiva.

Stiamo monitorando la situazione con coscienza affidandoci alle Autorità e alle Organizzazioni nazionali sanitarie, ci piace pensare che lo sport possa dare un segnale di distensione, ma alla luce delle ultime notizie di contagi preferiamo non mettere a rischio la salute dei nostri tesserati. Sospendiamo pertanto ogni attività di gioco e di allenamento fino al 13 aprile.

Il Presidente

Roberto Della Valentina

TAVOLA VADEMECUM-min

NORME IGIENICO-SANITARIE E BUONE PRASSI
Trattasi di alcune semplici, ma fondamentali norme igienico-sanitarie, da considerare da parte delle società e dei custodi degli impianti sportivi sia negli spogliatoi, sia nei locali comuni e nei servizi igienici degli impianti, atte a prevenire la diffusione del coronavirus durante le gare e negli allenamenti.
Tali norme vanno esposte ben visibili a tutti e rispettate non solo dagli atleti, ma anche da accompagnatori, arbitri, allenatori, dirigenti, massaggiatori, spettatori e addetti ai lavori.
1) Non bere dalla stessa bottiglietta/borraccia/bicchiere né in gara né in allenamento, utilizzando sempre bicchieri monouso o una bottiglietta nominale o comunque personalizzata, e non scambiare con i compagni altri oggetti (asciugamani, accappatoi, ecc.).
2) Evitare di consumare cibo negli spogliatoi.
3) Riporre oggetti e indumenti personali nelle proprie borse, evitando di lasciarli esposti negli spogliatoi o in ceste comuni.

4) Buttare subito negli appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati come cerotti, bende, ecc.
5) Lavarsi accuratamente le mani il più spesso possibile: il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi per prevenire l’infezione. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi e poi, dopo averle sciacquate accuratamente, vanno asciugate con una salvietta monouso; se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%.
6) Evitare, nell’utilizzo di servizi igienici comuni, di toccare il rubinetto prima e dopo essersi lavati le mani, ma utilizzare una salvietta monouso per l’apertura e chiusura dello stesso.
7) Favorire l’uso di dispenser automatici con adeguate soluzioni detergenti disinfettanti, sia negli spogliatoi, sia nei servizi igienici.
8) Non toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani non lavate.
9) Coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto -preferibilmente monouso- o con il braccio, ma non con la mano, qualora si tossisca o starnutisca.
10) Arieggiare tutti i locali il più spesso possibile.
11) Disinfettare periodicamente tavoli, panche, sedie, attaccapanni, pavimenti, rubinetti, maniglie, docce e servizi igienici con soluzioni disinfettanti a base di candeggina o cloro, solventi, etanolo al 75%, acido paracetico e cloroformio.
12) In caso di attività sportiva in vasca, richiedere un costante monitoraggio dei parametri chimici (cloro o altre soluzioni disinfettanti) e dei parametri fisici (tra cui, il pH o la temperatura, che influisce sul livello di clorazione).
13) Invitare le persone che manifestano sintomi di infezione respiratoria in atto e/o febbre ad abbandonare immediatamente i locali e avvisare il medico sociale e/o il responsabile medico della federazione, chiamando il Numero 112 o il Numero 1500 del Ministero della Salute operativo 24 ore su 24 senza recarsi al Pronto Soccorso.
14) Per chi non fosse ancora vaccinato contro l’influenza, consigliare il più rapidamente possibile il vaccino antiinfluenzale, in modo da rendere più semplice la diagnosi e la gestione dei casi sospetti.
15) Informarsi dagli atleti e dal personale societario se ci sono stati eventuali contatti in prima persona o all’interno del proprio ambito familiare con persone rientrate da zone a rischio o in quarantena.
16) Utilizzare la visita medico-sportiva quale fondamentale strumento di screening, attraverso un’attenta anamnesi ed esame obiettivo per l’individuazione di soggetti potenzialmente a rischio immunitario o con sintomatologia.
17) In caso di raduni nazionali di atleti o di manifestazioni di circuito internazionale autorizzate anche all’estero, prevedere sempre la presenza di un Medico di Federazione che possa valutare clinicamente, a livello preventivo, tutti i partecipanti, identificando eventuali soggetti a rischio e adottando le più idonee misure di isolamento, seguendo adeguate procedure gestionali secondo gli indirizzi del Ministero della Salute.
18) Con riferimento ai Medici Sociali e, in particolare, a quelli delle squadre professionistiche o degli atleti professionisti ai sensi della Legge 23 marzo 1981, n. 91 e comunque di tutte quelle Società i cui atleti svolgono attività a livello internazionale, monitorare con attenzione i Paesi verso cui si è diretti o da cui si rientra, secondo le indicazioni del Ministero della Salute.

Si comunica che, a sensi della Legge n. 124/2017, commi 125-129 dell’art. 1, cosiddetta Legge annuale per il mercato e la concorrenza, la nostra organizzazione nell’esercizio 2019 ha ricevuto, a titolo di contributo o prestazione, le seguenti somme:

 

COMUNE DI ROVERETO SERVIZIO GESTIONE PALESTRA COMUNALE PAGAMENTO FATT. 2018/4/PA - COMPENSO PER GESTIONE PALESTRA GANDHI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO PERIODO OTTOBRE-DICEMBRE 2018 24/01/2019    4.374,99 €
COMUNE DI ROVERETO SERVIZIO GESTIONE PALESTRA COMUNALE PAGAMENTO FATT. 2019/1/PA - COMPENSO PER GESTIONE PALESTRA GANDHI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO PERIODO GENNAIO-MARZO 2019  10/05/2019    4.374,99 €
COMUNE DI ROVERETO SERVIZIO GESTIONE PALESTRA COMUNALE PAGAMENTO FATT. 2019/3/PA - COMPENSO PER GESTIONE PALESTRA GANDHI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO PERIODO APRILE-GIUGNO 2019 29/07/2019    4.374,99 €
AGENZIA SPORT VALLAGARINA PROMOZIONE PRATICA DELLO SPORT AGENZIA SPORT VALLAGARINA RIMBORSI PER INIZIATIVE "SPORT PER TUTTI" STAGIONE 2018/2019 27/09/2019    1.019,00 €
COMUNE DI ROVERETO SERVIZIO GESTIONE PALESTRA COMUNALE PAGAMENTO FATT. 2019/5/PA - COMPENSO PER GESTIONE PALESTRA GANDHI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO PERIODO LUGLIO-SETTEMBRE 2019 21/10/2019    4.374,99 €
COMUNE DI ROVERETO ATTIVITA' ISTUZIONALE CONTRIBUTO PER ATTIVITA' SPORTIVA ISTITUZIONALE 2018/2019 05/11/2019  11.000,00 €
PRESIDENZA CONSIGLIO DEI MINISTRI ATTIVITA' ISTUZIONALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO 1037 Legge 244/2007 art 3, commi 5-11 - 5 per mille dell.Irpef anno 2017 24/12/2019

   2.618,45 €

ASD Pallavolo Rovereto                                                www.pallavolorovereto.it

Via Silvio Pellico, 16 - 38068  Rovereto                           Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.IVA e C.F. 01532650221

 

 

 

Login